Vai al contenuto

Evacuazione centro storico o di un’area residenziale vasta

L'evacuazione della popolazione è una misura cautelativa che viene adottata in relazione alla natura dell'evento e della gravità dello stato di emergenza. Considerato che può essere necessario ricorrere a misure di evacuazione a seguito di diversi tipi di situazioni di emergenza (fughe di gas da metanodotto, incidente da trasporto di sostanze pericolose, minaccia di crollo di edifici, pericolo di propagazione di incendi, ecc.) e che tutto il territorio comunale può esserne interessato, si ritiene di fornire alcune indicazioni di carattere generale, lasciando al responsabile delle operazioni le decisioni da assumere, sulla base della situazione locale.

L'ordine di evacuazione della popolazione, che in caso di problemi relativi alla pubblica sanità è di competenza del Sindaco, qualora interessi l'ordine e la sicurezza pubblica, è di competenza del Prefetto e del Questore.

La popolazione da evacuare verrà avvertita a cura delle Forze dell'Ordine con appositi avvisi con mezzi e strumenti coerenti con lo scenario in essere. Dovranno essere comunicate alla popolazione interessata le aree di attesa, quelle di ricovero ed accoglienza d'emergenza. Resta inteso che il Sindaco, quale autorità comunale di Protezione Civile, assume la direzione e il coordinamento dei servizi di soccorso e assistenza della popolazione interessata.

Se l'area da evacuare comprende poche persone (qualche decina di unità), la comunicazione verrà diretta agli interessati tramite le Forze dell'Ordine, eventualmente coadiuvate dai Gruppi Comunali di Volontariato.

Se si tratta di un'area vasta e non vi siano le condizioni di tempo per eseguire avvisi individuali, l'informazione della popolazione interessata verrà effettuata tramite altoparlanti su mezzi mobili ed eventualmente anche a mezzo comunicati radio e televisivi.

La popolazione che non dispone di propri mezzi verrà evacuata con mezzi forniti dalla COTRAP o dal servizio pubblico Comunale e/o altre ditte di autotrasporto ed eventualmente, in caso di necessità, da parte delle Forze Armate su richiesta del Prefetto.

Lo sgombero degli infermi, ammalati o persone in particolari condizioni di infermità avverrà a cura dall'Azienda Sanitaria Locale, che si avvarrà anche delle ambulanze delle varie Associazioni di volontariato sanitario.

La popolazione che non ha possibilità o non riesce a trovare sistemazione in proprio verrà avviata presso le aree di attesa e le aree di ricovero ed accoglienza di emergenza, dove dovrà ricevere accoglienza, vettovagliamento ed eventualmente vestiario, a cura del Servizio Comunale di Protezione Civile, che si avvarrà dei Gruppi Comunali di Volontariato e/o delle associazioni di volontariato.

La Polizia Municipale, eventualmente coadiuvata dai Gruppi Comunali di Volontariato, assicurerà la percorribilità dei percorsi di esodo e di quelli di accesso per i mezzi di soccorso.

Ad evacuazione avvenuta dovrà essere effettuata un'accurata ricognizione per accertare l'avvenuto totale sgombero di tutta la popolazione e la zona dovrà essere messa in sicurezza a cura delle Forze dell'Ordine, eventualmente coadiuvate dai Gruppi Comunali di Volontariato.

La Polizia Municipale, eventualmente coadiuvata da Volontari Comunali di Protezione Civile, assicurerà il censimento delle persone evacuate e il servizio d'ordine presso i ricoveri provvisori d'emergenza della popolazione.

L'allestimento di emergenza delle aree di attesa e di quelle di ricovero ed accoglienza avverrà a cura del Servizio Comunale di Protezione Civile, che si avvarrà dei Volontari Comunali di Protezione Civile e delle Associazioni di volontariato per la prima assistenza della popolazione. In particolare, il Servizio Comunale di Protezione Civile provvede all'allestimento delle aree di attesa e ricovero, dotandole dei supporti logistici quali cucina da campo, tenda refettorio, tende dormitorio e servizi igienici provvisori da campo, che si rendessero necessari. Successivamente, compatibilmente con i tempi necessari per l'avvio del servizio, sarà cura della Direzione Politiche Sociali organizzare la gestione dei centri di accoglienza avvalendosi, se necessario, del supporto del Servizio Comunale di Protezione Civile.

Torna a Scenari di rischio

Accessibility